Share

Capo Palinuro è un promontorio di rocce calcare a forma di pentadattilo a picco sul mare, vanta una costa unica grazie al continuo susseguirsi di calette, grotte e spiagge di grande bellezza.

Il fenomeno carsico e l'erosione, accentuati anche dalla presenza di acque sulfuree e sorgenti idrotermali, hanno dato luogo alla formazione di numerose cavità sommerse e non. Con le sue le 35 grotte Capo Palinuro rappresenta uno dei principali poli di interesse speleo-marino in Europa. Alcune delle grotte del capo sono sommerse e quindi sono visitabili solo da sub esperti ma altre invece sono facilmente raggiungibili grazie alle tradizionali imbarcazioni del posto i “gozzi” messi a disposizioni dagli operatori del posto che organizzato diverse tipologie di escursioni.

Informazioni utili

Gite alle grotte
Cooperativa Porto
Tel. 0974 931604
http://www.palinurocoop.com/

Diving e immersioni
Palinuro Sub Diving Center Sas
Tel. 335 5495606 - 336 706671
http://www.palinurosub.it/

Mauro Sub Diving Palinuro
Tel. 339 7733619
http://www.maurosub.it/

La Grotta Azzurra

La Grotta Azzurra è la più grande grotta del capo, lunga 85 metri e larga 90, presenta delle acque di un intenso colore turchese derivante dal gioco di rifrazione della luce del sole che filtra da un'apertura in profondità. La Grotta Azzurra presenta sorgenti idrotermali di tipo sulfureo, da ammirare sono inoltre colonne stalatto-stagmitiche e le colate alabastrine.


La Grotta d’Argento

La Grotta d’Argento è cosi denominata per il particolare effetto di luce che caratterizza le sue pareti che prendono dei riflessi argenti per l’effetto del miscelarsi dell'acqua marina con la densa acqua sulfurea. All’interno di questa grotta difatti sono presenti due sorgenti sulfuree connesse a profonde spaccature.


La Grotta dei Monaci

La Grotta dei Monaci è così chiamata per le numerose formazioni stalagmitiche che richiamano le sembianze di un gruppo di monaci in preghiera. Oltre alle formazioni stalagmitiche si possono vedere all’interno di questa grotta dei organismi vegetali marini simili agli anemoni. chiamati dalla gente del posto pomodori di mare.


Grotta delle Ossa

La Grotta delle ossa è stata cosi denominata a causa dalla presenza al suo interno di sedimenti fossili sia umani che marini.


Grotta del Sangue

La Grotta del Sangue è stata così chiamata per l'intenso colore rosso che caratterizza le sue pareti sulle quali sono presenti tracce di ossido ferroso. Di particolare interesse all'interno della Grotta del Sangue sono le formazioni calcaree, tra queste una assume la forma di conchiglia appena sopra il livello del mare e un'altra ricorda la testa di un coccodrillo.


La Grotta Sulfurea

La Grotta Sulfurea nota anche come Cala Fetente è la massima espressione del fenomeno idrotermale che caratterizza tutte le cavità marine di Capo Palinuro. Il fondale della grotta, le sue pareti e le cavità interne rilasciano vapori di acido solfidrico che danno alla zona il caratteristico odore di zolfo da qui il nome di cala fetente.